Tutta la verità sulla caffeinaTutta la verità sulla caffeina

La caffeina può essere sicuramente considerata la sostanza psicoattiva più consumata al mondo. Sono in molti ad amarla e a consumarne importanti quantità ogni giorno. Proprio per questo ci si chiede in che modo agisce sul cervello, se crea dipendenza e quali sono i benefici che apporta. Da secoli è noto il potere energizzante della caffeina, tanto che la scienza stessa da sempre si chiede se quella per la caffeina possa essere considerata una forma socialmente accettata di dipendenza.

Ricerche recenti hanno sostenuto la bontà del caffè e le sue numerose proprietà, scagionandolo da diverse accuse che sono state lanciate contro questa sostanza nel corso dei secoli. Nel XVIII secolo Re Gustavo III di Svezia ordinà di somministrare a vita tre tazze di caffè o di tè tutti i giorni a due prigionieri gemelli. I due uomini gli sopravvissero. Delle recenti ricerche hanno evidenziato gli effetti benefici del caffè sull'integrità del DNA.

Ma esattamente cosa succede dopo aver bevuto un caffè? La caffeina si dissolve e diffonde con rapidità nei fluidi del corpo. In una manciata di minuti è subito al cervello nel quale si lega ai recettori che ricevono adenosina, una sostanza chimica prodotta dall'organismo che porta sonnolenza. Questo è il motivo per il quale il caffè fa passare la sensazione di stanchezza, agendo momentaneamente come freno all'impulso di dormire.

Si verifica un vero e proprio picco di concentrazione di caffeina nel sangue 45/60 minuti dopo l'assunzione di caffè. Dopo 3/5 ore il fegato avrà provveduto a degradare metà della quantità di caffeina assunta, in questo modo l'adenosina riprende il suo posto. Proprio per questo è possibile che si avverta la necessità di un'altra tazzina di caffè. 

Dunque nonostante le numerose accuse rivolte a questa speciale sostanza, in realtà come molte sostanze naturali contiene e riserva delle importanti proprietà che ci aiutano nel quotidiano ad affrontare la giornata con la giusta freschezza e reattività, combattendo la sensazione di stanchezza.

Condividi su: