miscele caffèmiscele caffè

Un mondo intenso e affascinante quello del caffè, una delle sostanze più amate ed utilizzate in ogni parte del mondo. Si sente spesso parlare di miscela arabica al 100%, come della migliore per il proprio caffè, ma se il caffè non fosse arabica cosa sarebbe per l’esattezza? Ci sono centinaia e centinaia di specie per il caffè ma quelle arabica e robusta sono quelle maggiormente utilizzate per comporre le miscele.

Numerose sono le differenze tra queste due specie di caffè, a partire dalla quota alla quale crescono. L’arabica cresce ad altezze tra i 700 ed i 1000 metri, mentre la robusta anche a livello del mare. I chicchi presentano forme diverse, la robusta infatti è più tondeggiante mentre l’arabica ha una forma più ovale. È l’arabica che conferisce gusto, aroma, retrogusto e profumo all’espresso mentre la percentuale di robusta dona corposità e forza alla tazzina di caffè.

Partendo dall’analisi della stessa qualità di arabica, possiamo notare come questa si divide in centinaia di tipologie diverse come l’altura, il maragogype, il bourbon, il santos, l’antigua, il supremo, il limu, il sidamo, il tournon e diversi altri. Queste tipologie di caffè variano per quanto concerne il gusto, il profumo e le caratteristiche. L’arabica viene appunto definita miscela proprio perché è costituita al suo interno da una serie di arabiche diverse.

Analizzando le due qualità di arabica e robusta a livello genetico, si riscontrano altre sostanziali differenze. L’arabica presenta al suo interno 44 cromosomi e la robusta 22, la robusta contiene inoltre un livello più elevato di caffeina rispetto all’arabica, circa il doppio.

La qualità arabica si coltiva in America del Sud, America Centrale, Africa (Kenya, Etiopia, est Africa) e necessita di piogge, di terreni ricchi di minerali, ancor meglio se di origine vulcanica. La robusta si produce in Africa dell’ovest (Camerun, Costa d’avorio) e in estremo oriente (Vietnam, Indonesia). La qualità robusta cresce a quote più basse rispetto all’arabica ed in condizioni di elevata umidità. I chicchi delle due diverse qualità possono essere facilmente distinti tra loro. Le analisi degli esperti attestano che al suo interno l’arabica contiene più zuccheri, motivo per cui si presenta più dolce e al tempo stesso è meno amara per il minor contenuto di caffeina dallo 0,9 all’1,7%. La robusta è d’altro canto più amara e corposa e contiente dall’1,6 al 3% di caffeina, a volte anche di più.

Condividi su: