Varietà di theVarietà di the

Il tè, una bevanda che appassiona ed unisce fruitori da tutto il mondo, rappresenta nella sua versione classica, il tepore di una buona tazza fumante, da consumare con qualche gustoso dolcetto, riparati dal freddo. Non mancano le versioni fredde, imperdibili d'estate per rinfrescarsi all'ombra del sole.

Il prodotto originario consiste in un infuso o decotto che si ricava dalle foglie, talvolta miscelate con spezie, erbe ed essenze, di una pianta legnogna la Camellia sinensis che si coltiva principalmente in Bangladesh, Pakistan, Cina, India, Indonesia, Sri Lanka, Giappone e Kenya. Tutto ciò che concerne i cerimoniali legati al tè si associano alle tradizioni dell'Estremo Oriente. Ma una nazione ha fatto del tè un'immagine simbolo della sua cultura: il Regno Unito. Qui l'ora del tè si associa ad un vero e proprio imperdibile rito con il quale ci si raccoglie esattamente alle 17:00 per gustare una buona tazza di infuso, diverso in base ai propri gusti, con qualche sfizioso dolce.

Dopo l'acqua il thè caldo è la seconda bevanda più diffusa al mondo, mentre il suo uso freddo dagli anni '80 del Ventesimo secolo ha preso piede a livello industriale. Il tè classico, quello naturale, si trova oggi in diverse varietà, speziate con aromi vari ed incredibilmente affascinanti, ma in natura esistono alcune importanti famiglie a cui si riconduce questa bevanda: il tè nero, il tè verde, il tè oolong, il tè bianco, il tè giallo e il tè Pu'er o postfermentato.

Tutte queste varietà derivano dalle foglie della stessa pianta ma vengono create dopo trattamenti differenti, presentando diversi gradi di ossidazione, in gergo detta fermentazione. I tè neri vengono fermentati mentre quelli versi sono non fermentati, gli oolong sono semifermentati. Una volta essiccato il tè può essere lavorato ulteriormente in modo da dare vita al tè aromatizzat, il tè pressato e il tè deteinato.

Condividi su: